Cuore coraggioso: a causa di una rara malattia genetica, Lizzie pesa 25 kg- come vive questa donna

Elizabeth Velasquez è nata con il raro sindrome di Wiedemann-Rautenstrauch, a causa di una rara disfunzione genetica, la ragazza pesa solo 25 kg.

Nonostante tutte le difficoltà incontrate dalla nostra eroina,

ha comunque trovato la forza di continuare a vivere come una persona a tutti gli effetti e persino di diventare un’idolo e un esempio per milioni di persone.

Lizzie si è laureata all’università, oggi è una blogger e una conferenziera popolare. Con molta esperienza nella vita, questa ragazza incredibile aiuta altre persone ad affrontare momenti difficili.

È nata in una famiglia ordinaria nel 1989, il suo peso alla nascita era di soli 1,2 chilogrammi.

I medici hanno avvertito i genitori che probabilmente la bambina non sarebbe stata in grado di camminare, parlare, pensare o fare qualsiasi cosa da sola.

Hanno proposto di abbandonarla, ma mamma e papà hanno deciso di portare il bambino a casa, qualunque cosa accadesse.

Lizzie è cresciuta circondata da amore e cure ed era convinta di non essere diversa dagli altri bambini. È quello che i suoi genitori amorevoli le hanno detto.

Forse è per questo che la ragazza è cresciuta diventando una persona gentile e amichevole e non si è mai arrabbiata.

Le tappe della sua crescita non sono state facili per lei: all’inizio, nell’asilo, i bambini normali non giocavano con lei.

Le cose sono migliorate molto a scuola, in gran parte grazie alla sua decisione deliberata di impegnarsi in attività comuni con altri studenti, di comunicare e di fare amicizia. E ci è riuscita.

C’è stato un momento di svolta nella vita di Velazquez quando ha deciso di cambiare completamente vita. A diciassette anni, Lizzie è stata confrontata con un video di sé stessa online.

Nel video, che ha registrato quattro milioni di visualizzazioni, è stata definita la “donna più spaventosa del mondo”. Non è difficile immaginare cosa stesse vivendo in quel momento.

Come sempre, i suoi genitori la sostenevano, erano sempre lì e non lasciavano che la figlia si scoraggiasse.

“Pensavo che il modo migliore per vendicarmi di coloro che si prendevano gioco di me, mi chiamavano mostro, fosse rispondergli:

‘Dite tutte le brutte cose che volete, usatele come una scala per raggiungere il mio obiettivo'”, ricorderebbe più tardi Lizzie.

Ha capito che voleva aiutare persone che si trovano in situazioni simili, diventare un’oratrice, scrivere un libro e ispirarle con i suoi discorsi.

Oggi, Velasquez conta più di 800.000 abbonati, è spesso chiamata a parlare in conferenze e nelle scuole, a parlare apertamente del bullismo e a dare consigli su come affrontarlo.

E nel 2015 è stato realizzato il documentario “Braveheart: The Story of Lizzie Velazquez”.

Valuta l'articolo
Aggiungi Un Commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Cuore coraggioso: a causa di una rara malattia genetica, Lizzie pesa 25 kg- come vive questa donna
Molto toccante: un uomo consola una donna di 96 anni spaventata