I piccoli macachi orfani non si separano più da quando si sono incontrati

Due cuccioli di macaco orfani, di età compresa tra 2 e 3 mesi, sono stati trovati nelle foreste di Agra, in India.

Erano di madri diverse, ma un destino simile li ha incredibilmente avvicinati. Appena gli animali sono stati presentati l’uno all’altro, sono diventati inseparabili.

Questi bambini hanno un triste destino simile.

Uno di loro, un macaco di 2 mesi, è stato trovato nella foresta dopo aver perso sua madre in tenera età.

Il secondo cucciolo, di 3 mesi, è stato anch’esso lasciato senza madre. I piccoli sono stati salvati dalla natura selvaggia della città indiana di Agra appena in tempo.

Il team del Centro Wildlife SOS si è preso cura dei primati.

All’inizio, i cuccioli avevano molta paura di tutto ciò che li circondava e piangevano spesso, quindi il personale del centro ha deciso di presentarli il prima possibile.

E l’incontro ha avuto successo: sono diventati letteralmente inseparabili fin dal primo giorno. Oggi, i primati vivono già da due mesi nel Centro di soccorso Wildlife SOS.

Si trattano come fratello e sorella: si abbracciano costantemente, giocano, dormono e mangiano insieme. Il personale è costantemente colpito dalla loro relazione affettuosa e calorosa.

Nel centro di soccorso, il personale si prende cura dei cuccioli con sensibilità:

i macachi mangiano sempre frutta fresca, vivono in una grande voliera verde spaziosa e giocano con vigore.

Quando saranno cresciuti, saranno rilasciati nella natura. La perdita di una madre può essere traumatica per un cucciolo di scimmia.

Ma fortunatamente, il team del centro di soccorso sa cosa fare in casi simili: aiutano i piccoli animali, che presto ricominciano a godersi la vita, a crescere e a godersi ogni giorno!

Valuta l'articolo
Aggiungi Un Commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

I piccoli macachi orfani non si separano più da quando si sono incontrati
Un soldato percorre 400 miglia per accompagnare il suo amico trisomico: una storia commovente